Homepage
 Dettaglio Articolo
ECOSCIENZA DEDICA UN APPROFONDIMENTO ALLA GESTIONE DELLE ZANZARE INVASIVE

Nel numero 3/2018 di Ecoscienza, la rivista di Arpae dedicata ai temi della sostenibilità e del controllo ambientale, è disponibile un approfondimento dedicato alla gestione sostenibile delle zanzare invasive che, partendo dai risultati del progetto europeo Life CONOPS, affronta diversi aspetti inerenti alle attività di prevenzione e controllo attuate in Emilia-Romagna.   

Si parte da una panoramica su Life CONOPS, progetto europeo partito a luglio 2013 che terminerà a novembre 2018.

Il progetto, finanziato dalla Commissione europea, è coordinato dall’Istituto fitopatologico Benaki di Atene che si è avvalso della collaborazione di partner quali la Facoltà di Agraria di Atene, l’Azienda Sanitaria Locale della Romagna, il Servizio Prevenzione collettiva e Sanità pubblica della Regione Emilia-Romagna, il Centro Agricoltura Ambiente “G.Nicoli” srl di Crevalcore e altri partner greci. La finalità del progetto è di sviluppare azioni di sorveglianza e di studio delle popolazioni di zanzare invasive in considerazione dei cambiamenti ambientali e climatici in corso e previsti nei prossimi decenni.

L’approfondimento prosegue con un breve focus sulla campagna informativa del sistema sanitario regionale “Zanzara tigre e altri insetti: pericoli pubblici”, pensata con l’obiettivo di fornire le indicazioni necessarie ad impedire la proliferazione delle zanzare e i consigli per proteggersi dalle loro punture.

Viene poi presentato il piano integrale di gestione di Aedes albopictus, elaborato nell’ambito del progetto Life CONOPS, che è in fase di revisione da parte dei paesi europei colpiti dalle infestazioni per essere presto disponibile come strumento di supporto al lavoro delle comunità interessate. 

Un ulteriore focus è dedicato al monitoraggio della zanzara tigre e in particolare al ruolo di Arpae in Emilia-Romagna nell’ambito di questa attività di sorveglianza.

I possibili effetti del cambiamento climatico sul rischio di aumento delle specie invasive di zanzare nel sud Europa, studiati nell’ambito del progetto CONOPS, vengono descritti dagli ingegneri di Terra Nova Environmental Engineering Consultancy, uno dei partner greci del progetto.

Si passa poi a parlare della spesa per le famiglie emiliano-romagnole per difendersi dalle zanzare attraverso l’acquisto di zanzariere, repellenti, larvicidi e altri strumenti di difesa secondo quanto emerso da un sondaggio telefonico condotto tra il 2016 e il 2017 su un campione rappresentativo della regione.

Infine vengono presentati i percorsi educativi per la prevenzione dei CEAS (Centri di educazione alla sostenibilità), svolti con gli studenti delle scuole e attraverso progetti mirati al coinvolgimento dei rifugiati, i quali mostrano come l’educazione ambientale possa giocare un ruolo fondamentale nella lotta alle zanzare invasive.

SFOGLIA O SCARICA LA RIVISTA IN PDF

A cura di:
  Gruppo di coordinamento regionale
Data pubblicazione:  10/08/2018
 

Ritorna